27 febbraio 2019

Aprite quella porta, ma non una semplice porta

La scelta dei serramenti interni determina con forza la definizione dello stile della casa. Una porta del colore giusto può cambiare l’intero volto di una stanza, l’importante è che sia sempre in armonia con i colori scelti per le pareti e i pavimenti.

Se siete in fase di ristrutturazione è ancora più importante definire la necessità di eventuali porte a scomparsa che permettono di recuperare centimetri preziosi, senza rinunciare ad un’ampia parete dove inserire cavi, punti luce e interruttori.
Vi sono infatti ormai in commercio soluzioni che , grazie alla speciale struttura interna, sono predisposte a far passare i cavi elettrici senza interferire con lo scorrimento della porta. Anche i materiali a disposizione sono molteplici e costituiscono elementi di cui tenere conto durante la scelta, considerata la porta ormai un elemento di arredo oltre che di design.
Le versioni disponibili passano dal classico e intramontabile legno, con trattamento opaco imprescindibile in un ambiente rustico o inserita in un contesto classico. Oppure bianca e lucida che si inserisce molto bene in un ambiente moderno.
E quelle industrial in vetro o effetto specchio per una casa moderna e d’avanguardia.
Ci sono poi le opzione a filomuro ovvero  senza stipiti né cornici che si caratterizzano per uno stile minimal, anche nella variante a tutta altezza molto apprezzata perché  la porta si mimetizza integralmente con le pareti.

Cosa fare quindi prima di scegliere le porte di casa:

1. Scegliere lo stile che si predilige
Per una soluzione più “calda” optare per il legno, a differenza del vetro che trasmettere un’idea di maggiore contemporaneità 

2. Coordinare i colori
Non si può prescindere dalla scelta delle porte se non considerando i colori e i materiali scelti per il pavimento. Si possono anche amare i forti contrasti ma osare troppo potrebbe alla lunga stancare.

3. Considerare gli spazi
Non solo quelli più piccoli, dove una porta scorrevole potrebbe risolvere esigenze di spazio, ma anche in ambienti open space per ottimizzare al meglio gli aspetti estetici, funzionali e di luminosità.

4. Esigenze abitative
Valutare dove posizionarla perché oltre ovviamente una delle funzioni primarie della porta è anche quella di creare una barriera acustica e termica. Per cui per determinati ambienti potrebbe essere consigliata una tipologia piuttosto che un’altra. Si pensi al bagno o alla stanza dei bambini.

Le porte per interni sono detraibili. Ma c’è un ma.
Anche per il 2019 è stata prorogata la detrazione al 50% per le spese di ristrutturazione. La sola sostituzione delle porte interne non rientra nella detrazione per ristrutturazioni e neppure nel cosiddetto Bonus Mobili.
Ma se invece la sostituzione viene sostenuta congiuntamente ad altri interventi per i quali la detrazione risulta ammessa, per esempio alla demolizione di una parete, allora l’agevolazione è consentita.
Alcune porte sono veramente dei pezzi unici che sembrano vere opere d’arte. Le possibilità di scelta sono davvero tante è consigliabile quindi valutare con attenzione tutti gli aspetti per non trovarsi in difficoltà, trattandosi di un elemento della casa piuttosto stabile e duraturo nel tempo, che non si tende a cambiare di frequente.

Verde Mattone Srl  |  Via Rodolfo Morandi, 4 - Grugliasco (TO)  |  Partita Iva: 10283610011

Privacy policy | Cookie policy